Come preparare i concorsi per assistenti sociali

Tempo di lettura:

Indice

    Come prepararsi ai concorsi per Assistenti Sociali

    Diventare assistente sociale, professione che unisce empatia e tecnica, vuol dire sostenere, prevenire e recuperare tante e varie situazioni di disagio che vengono a crearsi in diverse famiglie, e non solo. Una missione da compiere quella degli assistenti sociali che vede sempre più richieste, ogni anno, attraverso la pubblicazione di concorsi pubblici. Ma come potersi preparare al meglio ad un concorso simile? Cosa e come studiare nei concorsi per assistenti sociali? Vediamo insieme, attraverso questo approfondimento, come poter affrontare una selezione pubblica per aspiranti Assistenti Sociali.

    Cosa si studia nei concorsi per Assistenti Sociali?

    I concorsi aperti per la figura di assistente sociale, ogni anno, sono molteplici. Molti di questi racchiudono una serie di argomenti simili e variegati. Per una adeguata formazione, per poter superare queste selezioni è necessario approfondire lo studio anche prima dell’uscita degli stessi bandi. Vediamo insieme quali sono le materie d’esame più richieste.

    Gli argomenti più richiesti nei concorsi per Assistenti Sociali sono:

    • Principi, fondamenti, metodi, tecniche e deontologia del Servizio Sociale;
    • Legislazione nazionale e regionale in materia di servizi socio – assistenziali e competenze dell’Ente Locale;
    • Conoscenza delle unità di offerta e delle varie misure sociali e socio-sanitarie regionali;
    • Conoscenza dei ruoli dei diversi Enti nella programmazione e gestione di servizi sociali e socio-sanitari;
    • Conoscenza delle principali aree di fragilità della popolazione, della cronicità e della non autosufficienza e delle modalità per le valutazioni socio economica e multidimensionale;
    • Conoscenza dei principi e delle normative che regolano le funzioni pubbliche di protezione dell’infanzia, tutela dei minori e sostegno alla famiglia, nonché dell’attività giudiziaria per i minori, la famiglia e la protezione giuridica;
    • Conoscenza della normativa in tema di sostegno al reddito e delle misure per l’inclusione sociale;
    • Nozioni sul rapporto di pubblico impiego e codice di comportamento dei dipendenti pubblici (D.Lgs 165/2001 – D.P.R. 62/2013 e s.m.i.);
    • Delitti contro la Pubblica Amministrazione;
    • Nozioni in materia di trattamento dei dati personali.
    • Ruolo Professionale dell’assistente sociale (normativa, codice deontologico);
    • Elementi di legislazione nazionale e della Regione Sardegna in materia di contrasto alla povertà ed esclusione sociale;
    • Interventi nazionali e regionali sulla non autosufficienza;
    • Elementi di Diritto amministrativo e ordinamento degli Enti Locali, con particolare riferimento al D. Lgs n. 267/2000 e s.m.i., alla legge n. 241/1990 e s.m.i., e al D.P.R. n. 445/2000 e s.m.i., con particolare riguardo alle materie oggetto dell’incarico;
    • Codice di comportamento e codice disciplinare dei dipendenti pubblici;
    • Codice in materia di tutela dei dati personali di cui al regolamento (UE) 2019/679;
    • Codice dell’amministrazione digitale (D.Lgs.n.82/2005 smi);
    • Ordinamento contabile Enti Locali e armonizzazione contabile Enti Locali D.Lgs. n. 118/2011;
    • Responsabilità civile, penale e contabile dei pubblici dipendenti e degli amministratori;
    • Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni D.Lgs.n.33/2013 ss.mm.ii.;
    • Principi, metodi e tecniche del servizio sociale applicato all’assistenza agli anziani, ai minori, ai disabili in generale alle situazioni di disagio e/o di emarginazione;
    • Programmazione, organizzazione e gestione dei servizi socio-assistenziali;
    • Misure di contrasto alla povertà e di inclusione sociale;
    • Normativa e procedure relative alle forme di protezione giuridica (tutela, curatela e amministrazione di sostegno);
    • Nozioni di diritto amministrativo particolare riguardo alle competenze dei Servizi Sociali;
    • Nozioni di diritto costituzionale, di diritto civile, di diritto privato e di diritto penale, con particolare riguardo agli adempimenti dei Servizi Sociali nei diversi settori di tutela (minori, famiglia, donne vittime di violenza, anziani, disabili, adulti fragili);
    • Normativa nazionale in materia di contrasto alla violenza di genere;
    • Normativa regionale del Lazio in materia di contrasto alla violenza di genere;
    • Normativa in materia di disabilità;
    • Rapporti con gli Organi giudiziari;
    • Elementi di deontologia professionale;
    • Nozioni sulla trasparenza (D. Lgs. n. 33/2013), anticorruzione (L.190/2012 e s.m.i.) e privacy (D.Lgs.n.196/03 e s.m.i.).

    Infine, durante l’espletamento delle prove verrà richiesto anche l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese.

    Ricordiamo sempre che per poter accedere ai concorsi per assistenti sociali è necessario esser in possesso di una Laurea Magistrale o Triennale. Leggi qui il nostro approfondimento in merito.

    Come studiare per diventare Assistente Sociale?

    Per poter superare un qualsiasi concorso pubblico è doveroso ricordare le tre regole d’oro: studio, ripetizione e quiz.

    Sembrerà scontato e quasi basilare, ma per affrontare con successo una selezione pubblica è importante non prendere nulla sottogamba, ma vivere la fase di preparazione con la più grande caparbietà.

    Essendo questi dei concorsi a più prove, solitamente l’iter selettivo prevede l’espletamento di:

    • una prova preselettiva (eventuale);
    • una o più prove scritte;
    • una prova orale;
    • valutazione dei titoli.

    Questo potrebbe spaventare i partecipanti, che magari si vedono costretti a studiare tonnellate di materiale, senza comprendere cosa sia giusto ripetere e/o esaminare nel dettaglio. Ma seguendo un adeguato metodo di studio, attraverso un programma calendarizzato dello stesso, sarà molto più gestibile lo studio di diversi argomenti, soprattutto in poco tempo.

    Vediamo come poter studiare velocemente un concorso pubblico per assistenti sociali seguendo le tre regole d’oro:

    1. Studio giornaliero delle singole materie: prima di affrontare lo studio è bene programmare un proprio calendario, in base al tempo a disposizione, dove affrontare singolarmente ogni materia che verrà inserita nel bando di concorso e studiarla attentamente. Solo così facendo si potranno acquisire tutte le nozioni utili per svolgere poi la selezione senza alcun dubbio. La quantità giornaliera di studio non dovrebbe esser inferiore alle 3 ore (a dì).
    2. Ripetizione costante: anche la ripetizione è una parte essenziale dello studio, anzi, probabilmente è la più importante. Solo attraverso la ripetizione degli argomenti indicati sarà chiaro comprendere le proprie lacune e migliorarsi. Anche la ripetizione richiede una calendarizzazione e non dovrebbe esser inferiore ad almeno 1 ora al giorno.
    3. Esercitazioni (quiz) di tutte le materie: lo studio da solo non può fare molto quando si parla di concorsi. Serve sempre mettere in pratica ciò che si acquisisce, ed è qui che entrano in gioco i famigerati quiz! Esercitandosi più volte al giorno, anche in questo caso per diverse ore (quindi in diversi momenti della giornata), si raggiungerà un grande livello di preparazione.

    Bandi concorsi per Assistenti Sociali 2024

    Segui sempre il nostro blog Studio Concorsi e non perdere nessuna novità sui concorsi aperti alla figura degli Assistenti Sociali!

    Per rimanere aggiornato sull'argomento

      Autorizzo l’invio di comunicazioni a scopo commerciale e di marketing nei limiti indicati nell'informativa