Concorso Ispettori del Lavoro 2024, in arrivo bando INL per 750 posti

Tempo di lettura:

Indice

    Concorso Ispettori del Lavoro INL 2024, in arrivo bando per 750 posti

    Il tanto atteso concorso Ispettori del Lavoro 2024 è alle porte! Entro quest’estate, potrebbe essere pubblicato, il bando per la selezione di ben 750 posti come ispettori del lavoro. L’uscita del bando è prevista nell’arco di tempo che va dal mese giugno al mese di settembre 2024. La selezione sarà aperta a chi in possesso della laurea e l’assunzione previste saranno a tempo pieno e indeterminato. Leggi il nostro approfondimento e scopri come poter partecipare, quali prove e materie saranno previste per il concorso INL 2024.

    Quanti saranno i posti messi a disposizione del concorso INL?

    Il concorso Ispettori del Lavoro 2024, che potrebbe uscire entro quest’estate, conta il reclutamento di ben 750 posti.
    Il Decreto PNRR 2024 convertito in Legge ha autorizzato l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ad assumere, a tempo indeterminato, del nuovo personale per le attività di vigilanza in materia di lavoro, legislazione sociale e salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

    Stando alle dichiarazioni rilasciate dal Direttore INL, Paolo Pennesi, per assumere queste risorse sarà pubblicato a breve un concorso per funzionari Ispettorato del Lavoro, che dovrebbe essere bandito per quest’estate, entro e non oltre il mese di Settembre 2024.

    Quali saranno i requisiti d’accesso per il concorso Ispettori del Lavoro?

    Potranno partecipare alla selezione coloro che saranno in possesso dei requisiti generali richiesti da ogni concorso pubblico, come la cittadinanza italiana e il godimento dei diritti politici, e chi in possesso di requisiti specifici d’ammissione, come il possesso della:

    • Laurea.

    Come si potrà presentare la domanda di partecipazione?

    Le domande di ammissione al concorso Ispettori del Lavoro 2024 potranno esser presentate sul portale inPA e/o e sul sito istituzionale dell’INL.

    Per la presentazione delle istanze, inoltre, occorrerà possedere le credenziali SPID, CIE o CNS, necessarie per accedere alla piattaforma. Inoltre, i candidati dovranno essere in possesso di un proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

    Quali saranno le prove del concorso Ispettori del Lavoro 2024?

    Per quanto la selezione INL 2024 non sia stata ancora bandita, è ipotizzabile che questa sia per titoli ed esami.

    Se le modalità di selezione resteranno le stesse del precedente bando e, inoltre, si seguirà il nuovo regolamento per i concorsi pubblici introdotto dall’ultima riforma, la prova d’esame potrebbe consistere in:

    • una sola prova scritta.

    Prova d’esame

    In questo caso, la prova d’esame (prova scritta) potrebbe consistere in un test composto da 40 quesiti a risposta multipla, da svolgere in 60 minuti.

    La prova, inoltre, potrà svolgersi anche tramite tecnologie digitali.

    Materie d’esame

    Nella selezione precedente, la prova d’esame per il profilo di ispettore tecnico INL verteva sulle materie di seguito indicate, le quali potrebbero essere nuovamente oggetto di prova per il prossimo concorso:

    • macchine e impianti;
    • scienze delle costruzioni;
    • disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81);
    • direttiva 2006/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 maggio 2006 relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE;
    • regolamento (UE) 2016/425 del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 marzo 2016 sui dispositivi di protezione individuale e che abroga la Direttiva 89/686/CEE del Consiglio;
    • normativa sugli ascensori e i generatori di vapore;
    • normativa in materia di radiazioni ionizzanti;
    • elementi di chimica;
    • elementi di diritto del lavoro;
    • lingua inglese;
    • utilizzo delle applicazioni informatiche e dei software più diffusi.

    Quanto guadagna un ispettore del lavoro?

    Le risorse che verranno assunte saranno contrattualizzate a tempo indeterminato e inquadrate secondo la nuova classificazione del personale introdotta dal CCNL funzioni centrali 2019-2021.

    Lo stipendio da considerare per 12 mensilità, a cui va aggiunta la tredicesima, è pari a 20mila euro lordi annui, circa 1.600 euro lordi al mese, fino ad arrivare per crescita di grado ed anzianità sui 30mila euro lordi annui.

    Resta sempre aggiornato sul concorso Ispettori del Lavoro INL 2024 sul nostro blog Studio Concorsi!

    Per rimanere aggiornato sull'argomento

      Autorizzo l’invio di comunicazioni a scopo commerciale e di marketing nei limiti indicati nell'informativa